​Nell'ordine: 
1. è ben formata. Interessante è la congiunzione quando, qui equivalente a qualora, che introduce una proposizione temporale-ipotetica, coincidente con la protasi del periodo ipotetico composto insieme all'apodosi "avresti potuto indossarlo". 
2. Le tre varianti sono tutte valide. La prima è descrivibile come periodo ipotetico misto, con l'apodosi al condizionale passato e la protasi all'indicativo. I tre tipi "canonici" di periodo ipotetico, realtà, possibilità, impossibilità, non devono essere considerati gli unici possibili: l'incrocio tra essi è una risorsa sfruttabile al fine di esprimere varie sfumature di significato. In questo caso specifico, l'apodosi al condizionale, invece che all'indicativo, serve a formulare un invito, mentre la variante "potrai fermarti a pranzo" esprime solamente l'astratta possibilità che ciò avvenga e suona meno accogliente. Il periodo ipotetico della possibilità ("se venissi... potresti fermarti"), invece, mantiene l'aspetto di invito dell'apodosi, ma sposta la protasi dall'indicativo al congiuntivo, rendendola più dubbiosa. Questa formulazione indica che l'emittente non vuole sbilanciarsi riguardo alla possibilità che l'evento si realizzi, o perché non ci tiene, o perché vuole lasciare piena libertà di scelta al ricevente (quindi come forma di cortesia).
3. Vanno bene entrambe le varianti. Quella con il presente è meno formale.
4. Vanno bene entrambe le varianti. La prima ("Se fossero amici... avrebbero parlato di più") è un periodo ipotetico misto; la protasi al congiuntivo imperfetto esprime una sfumatura di dubbio riguardo al fatto che le due persone siano effettivamente amici, e che, quindi, non si siano parlate per qualche ragione ignota. Diversamente, la protasi al congiuntivo trapassato dà per presupposto che i due non siano amici.
5. Dicasi lo stesso che per la frase 3. Qui il futuro semplice è meno formale. Mi concentrerei, però, su "entro tutto il mese prossimo", che sostituirei con "entro la fine del mese prossimo".
6. La variante da lei proposta è migliore, perché più chiara, sebbene non si possa dire che l'altra sia errata. L'italiano tollera bene la doppia negazione, e la preferisce in casi ambigui, quindi per coordinare una proposizione negativa a un'altra pure negativa è preferibile neanche o neppure, rispetto a anche. Una volta sostituito anche con neanche o neppure, la congiunzione o può rimanere oppure essere sostituita da 
7. Qui non è in gioco la coordinazione, quindi la prima frase va bene. Anche la seconda va bene: come detto per la frase 6, se la negazione della proposizione è chiara, o e  sono quasi intercambiabili. Nella terza, la doppia negazione "a meno che non debba presentarmi né alle 6..." suona eccessivamente esplicita: la eviterei.
8. Ben formata.
Fabio Ruggiano