Se interpreto bene, la frase deriva dal romanzo Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf. Effettivamente, la variante che l'ha lasciata perplessa è attestata in rete, ma si tratta di un errore: la versione corretta è "ha mangiato bene" ("Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene"), oppure "si è mangiato bene" ("Non si può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non si è mangiato bene"). La versione *"si ha mangiato bene", che unisce indebitamente le due possibili traduzioni, è agrammaticale, perché il sistema dell'italiano prescrive sempre l'ausiliare essere nella costruzione con il si impersonale. 
Fabio Ruggiano