La scelta del tempo verbale dipende in pochissimi casi dalla congiunzione che introduce la subordinata. Per esempio, una proposizione introdotta da da quando può difficilmente avere l'indicativo presente. Per il resto, la scelta del tempo dipende da due coordinate testuali: il collocamente dell'evento sull'asse del tempo (passato, presente, futuro) e il rapporto tra il tempo dell'evento descritto e quello dell'evento della proposizione reggente (precedenza, contemporaneità, posteriorità). Queste due coordinate si intrecciano in vario modo, producendo di volta in volta risultati diversi (per un approfondimento può fare una ricerca nell'archivio di DICO con le chiavi consecutio temporum e tempo verbale). Nel caso specifico, l'evento del finire non solo è passato, ma è anche precedente rispetto a un altro evento, quello dell'organizzarsi, a sua volta passato (più precisamente trapassato, ma ai fini di questa analisi questo dettaglio non importa). Per descrivere un evento precedente a un altro evento passato si usa (tranne che in casi speciali) proprio il trapassato. Per quanto riguarda la scelta tra il trapassato prossimo e il remoto va ricordato che quest'ultimo è divenuto raro nell'italiano contemporaneo e viene quasi sempre sostituito dal primo. Il trapassato remoto, inoltre, veicola una sfumatura di momentaneità, per via della costruzione con il passato remoto dell'ausiliare, non adatta a questa frase, nella quale l'evento del finire sotto il controllo è percepito come un processo svoltosi in un certo lasso di tempo.
Fabio Ruggiano