Cominciamo dalla fine della sua richiesta. In questo caso sciocchezza non vale come "cosa da sciocchi", bensì come "cosa da nulla", cioè di nessuna importanza, uso comunissimo nell'italiano colloquiale.
Qui l'imperfetto non indica assolutamente l'aspetto dell'azione né tantomeno la sua durata, ma è uso modale tipico del parlato, con valore di attenuazione. E' come se dicesse: "E' solo una sciocchezza, è giusto una sciocchezza". Quindi sarebbe andato bene anche il presente. Non va bene, invece, il passato prossimo, perché lascerebbe quasi intendere una collocazione al passato che invece non è appropriata al contesto, in cui non importa il quando (se una cosa è priva di importanza lo è sempre, non solo in relazione al tempo in cui è avvenuto l'evento che si definisce senza importanza).
Per capire bene la differenza, consideri questo esempio analogo:
Ti ho chiamato ieri ma tu non hai risposto. Comunque non preoccuparti, perché non è/era nulla di importante". Sarebbe anomalo (e quindi sbagliato, nel senso di "non naturale in italiano") dire "non è stato nulla di importante", perché, come ripeto, l'essere poco importante è una constatazione generale svincolata dal tempo.

Fabio Rossi