Certamente "Disastro" nel secondo turno dialogico va scritto con l'iniziale maiuscola, indipendentemente dalle virgolette, visto che si tratta della parola inziale della frase.
Le virgolette, tuttavia, in questo caso, non hanno valore di enfasi bensì metalinguistico o di citazione, cioè sono identiche al corsivo e servono soltanto a segnalare che ci si sta riferendo a una parola citata da una frase precedente, cioè, per l'appunto, la parola "disastro".
Sarebbero virgolette d'enfasi se per caso fossero state usate nel primo turno: Non è una soluzione, è un "disastro"! E sarebbero state da evitarsi, dal momento che non c'è alcun bisogno di sottolineare una parola che ha già di per sé, in quel contesto, un chiaro valore estensivo e iperbolico.

Fabio Rossi