Patologico di per sé non ha affatto un significato ironico: vuol dire semplicemente "che si manifesta in condizioni morbose o anomale" e può essere riferito sia a uno stato di salute, sia, per estensione, ad altri stati o condizioni, per es. una timidezza patologica. Non può essere riferito a una persona, in senso proprio, se non nell'espressione caso patologico: Mario è un caso patologico = Mario è affetto da patologia = "Mario ha una qualche forma di malattia" ecc. Il senso ironico di patologico riferito anche alle persone deriva per l'appunto dall'espressione caso patologico, che dal significato proprio passa a quello ironico di "essere senza speranza" ecc. Naturalmente, a seconda del contesto, dell'intenzione degli interlocutori, del loro mondo condiviso, dell'intonazione, dell'espressione facciale, dei gesti ecc. ecc. ogni parola e ogni espressione può essere intesa sempre anche in senso ironico. Per cui, ovviamente, anche patologico e anche essere affetto da patologia, sebbene quest'ultima espressione, più tecnica, si presti meno bene di patologico all'impiego ironico.
Quanto all'analisi logica, sia essere patologico, sia essere affetto (da patologia) sono predicati nominali, visto che sono costruiti da copula (essere) + aggettivo. Il secondo caso è più strano perché deriva da un verbo latino (afficere), ma che in italiano si conserva soltanto come aggettivo (affetto) e non come participio passato.
In conclusione: se vuole riferirsi a Mario in senso ironico può dire Mario è patologico; se invece vuol dire semplicemente che il povero Mario è ammalato può dire Mario è affetto da patologia, anche se l'espressione, fuori dal contesto medico, rischierebbe di suonare un po' troppo pomposa, e quindi, suo malgrado, anche ironica. Meglio limitarsi a Mario è malato, Mario ha questa malattia ecc.

Fabio Rossi