È normale che alcuni verbi come constatare, verificare, accertare, appurare reggano ora il congiuntivo ora l'indicativo in funzione dell'azione che veicolano?

a) Ho verificato che la casa fosse vuota.
(Qui il verbo starebbe a indicare un'azione che non ha ancora portato esito: non si sa se la casa sia effettivamente vuota, e determinate operazioni di controllo disposte all'interno sono finalizzate a questo obiettivo).

b) Ho verificato che la casa era vuota.
(Qui il verbo starebbe invece a indicare un'azione dall'esito definitivo: le operazioni di controllo si sono concluse, e la casa è certamente vuota).

Augurandomi di essere stata chiara nell'enunciazione del mio dubbio, vorrei sapere se la mia osservazione sia giusta, oppure se con i verbi summenzionati si possa impiegare o l'uno o l'altro modo a prescindere dalla semantica.