Scrivo per chiedere se, secondo voi, nel contesto della frase sotto riportata la congiunzione ebbene ha più valore avversativo o conclusivo. 
"Gli avevo chiesto se poteva farmi un favore, ebbene ha rifiutato".
Io ritengo che abbia più un senso avversativo, è più facile sostituirla con maperò, tuttavia rispetto che con quindi o pertanto, ma mi interessa capire anche il vostro punto di vista.
Ho consultato il dizionario Sabatini-Coletti in cui, a proposito di ebbene si legge che tale congiunzione può essere utilizzata "con valore anche avversativo, per segnalare una decisione o una circostanza contrarie all'aspettativa". Vi è inoltre la seguente frase a mo' di esempio: "la sua proposta è che io mi dimetta; ebbene, non ci sto". Mi sembra molto simile a quella da me proposta: in entrambi i casi, infatti, vi sono sottese un'aspettativa (la proposta di una persona che io mi dimetta; la mia richiesta di farmi un favore) e una decisione o una circostanza contraria all'aspettativa (io non voglio dimettermi; una persona ha rifiutato la mia richiesta di favore).