"Non ci ho voglia" e "Non c’ho voglia" sono entrambe corrette, sebbene entrambe informali (la seconda più della prima) e adatte più al parlato che allo scritto, per via della presenza del ci attualizzante, rispetto al più formale "Non ho voglia". La seconda, inoltre, genere problemi di pronuncia, poiché, per la mancanza di una vocale palatale, indurrebbe l'erronea pronuncia "kò".
"Non ciò voglia" è un grave errore, perché confonde "ci ho" con il pronome "ciò", solo per via del fatto che la pronuncia delle due forme è identica. Naturalmente la forma "non ciò voglia" non ha alcun senso e dunque è annoverabile tra le forme di italiano popolare, oppure di interlingua, ovvero una forma tipica di chi non conosce bene o affatto la lingua italiana.

Fabio Rossi