La sua osservazione è corretta: a rigore, le frasi da lei riportate significano il contrario di quello che certamente intendono comunicare. Questa contraddizione, però, è quasi giustificabile, tanto che la considererei un errore veniale (almeno in contesti informali). Il verbo mancare, infatti, contiene due significati combinati: 'non avere qualcosa' e 'soffrire (per la condizione del non avere qualcosa)'. Nelle frasi che lei riporta emerge chiaramente il tratto del soffrire, mentre quello del non avere si ricava per deduzione. L'emittente, evidentemente, sente l'esigenza di esplicitare questo tratto, cioè che allo stato attuale l'evento (dell'abbracciare, del sentire o altro) non si sta verificando attraverso l'avverbio non.
Fabio Ruggiano