Non ci sono regole ferree, in effetti. Quasi mai sono ferree le regole di punteggiatura.
Il suggerimento è di non appesantire troppo i periodi con coordinate correlative troppo lunghe. Dunque eviterei, in primo luogo, più di due sia, a favore di:
"Mi piace guardare una ragazza quando fa l'azione A, quando fa l'azione B e mentre fa l'azione C".
Metterei la virgola tra i due sia quando il primo membro è troppo lungo: "mi piace andare al mare sia quando il tempo è bello e il sole rende insopportabile stare fuori dall'acqua, sia nelle cupe giornate invernali".
Infine, la presenza o meno della virgola prima del primo sia dipende dal grado di indipendenza che si vuol attribuire a ciò che precede:
- "Mi piace guardare una ragazza, sia quando fa l'azione A sia quando fa l'azione B", ciò che viene messo in rilievo, indipendentemente dal resto, è che a lei piaccia guardare una ragazza.
- Invece in "Mi piace guardare una ragazza sia quando fa l'azione A sia quando fa l'azione B" il suo piacere di guardarla è subordinato al fatto che faccia determinate azioni e, poniamo, potrebbe non essere interessato a guardarla se ne facesse delle altre.
Quindi, sì, è corretto quel che ha letto: dipende dal grado di coesione e di autonomia rispetto a quanto precede. Dipende, dunque, più che dal contesto, dal punto di vista di chi usa quella frase.

Fabio Rossi