Nella prima frase vanno bene entrambi i modi; in questo caso il congiuntivo non è necessario, ma è un'alternativa stilisticamente più alta. Nella seconda frase il congiuntivo nella proposizione relativa, oltre a rappresentare un'alternativa più formale come nella prima frase, carica la proposizione di una sfumatura ipotetica; come nel caso della proposizione ipotetica, quindi, l'imperfetto accentua la sfumatura rispetto al presente; potremmo dire che che non abbaiasse è assimilabile a se non abbaiasse, mentre che non abbai è a metà strada tra se non abbaia che non abbaia. Visto, però, che anche il presente veicola un certo senso di eventualità, il valore aggiunto dell'imperfetto appare non essenziale, e dal momento che l'imperfetto stride in correlazione con l'indicativo presente rompe, la scelta più consigliabile è che non abbai.
Fabio Ruggiano