La reggenza di "accessibile"