Il pronome che "gli" fa comodo