Il presente al posto del futuro?