La "sua" ambiguità