La negazione che non nega