Ancora sull'uso epistemico dell'imperfetto